top of page

Stinco di vitello brasato al forno

Aggiornamento: 1 dic 2020


Stinco di vitello brasato al forno

Lo stinco di vitello è un eccellente ed economico piatto invernale. Accompagnato da patate, verdure o della polenta diventa un piatto completo.

Ci vuole un po' di pazienza nella cottura che deve essere prolungata ed a temperature non molto alte. Facendolo però al forno l'unica accortezza è di rigirarlo ogni 15/20 minuti.

Ingredienti per 4/6 persone

  • 2 kg Stinco di vitello

  • 2 Carote

  • 1 Cipolla

  • 2 coste Sedano

  • qb Olio evo

  • 2 rametti Rosmarino

  • 1 mazzetto Timo

  • 500 ml Vino rosso

  • qb Sale e pepe

  • 1 arancia

  • 1 dl Porto rosso

  • 4 dl Brodo o acqua

Accendere il forno ventilato a 180°. Ungere lo stinco e metterlo in forno dentro ad una teglia. Cuocere arrosto per 1 ora rigirandolo ogni 20 minuti. Nel frattempo affettare grossolanamente le verdure e stufarle in un brasiera con dell’odio evo e un po’ di acqua. Quando le verdure sono cotte aggiungere il vino, il porto, il timo ed il rosmarino. Far evaporare completamente la parte alcolica. Regolare di sale e pepe. Mettere il succo e le scorze dell’arancia.

Togliere lo stinco dal forno, salarlo se non lo avete già fatto prima, e metterlo nella brasiera. Deglassare la teglia con dell’acqua - due mestoli almeno (2 dl) - e mettere i succhi nella brasiera. Infornare a 160 gradi e portare a cottura rigirando lo stinco ogni venti minuti. Ci vorranno almeno altre due ore di cottura. Se necessario aggiungere del brodo durante la cottura.

A fine cottura togliere lo stinco, passare la salsa e rimettere lo stinco. Tenere al caldo sino al servizio.

 

Il vino ed il porto devono essere fatti sobbollire sino a perdere completamente le componenti alcoliche prima di aggiungere la carne e proseguire la cottura al forno. Quando mettete lo stinco nella brasiera per la seconda fase di cottura i liquidi dovrebbero coprire in altezza circa 1/3 della carne. Questa fase di cottura è la tipica brasatura. Se a fine cottura la salsa, dopo averla filtrata e passata, risultasse ancora troppo liquida, farla restringere a fuoco dolce od addensarla con poco fecola di patate. Se avanzate della salsa congelatela perché si tratta di una eccellente base (fondo) per molte ricette.

Post correlati

Mostra tutti
bottom of page