• Luca Rusconi

TECNICHE DI COTTURA


La cottura è un procedimento che consiste nell'esporre il cibo a fonti di calore per trasformarlo da crudo a cotto.

La cottura risponde a diverse esigenze:

• altera la consistenza e il sapore dei cibi rendendoli più digeribili

• elimina batteri, virus e animali (per esempio le uova dei parassiti Taenia solium e Taenia saginata, Anisakis…) presenti nel cibo

• trasforma alcune sostanze tossiche rendendo commestibili cibi altrimenti nocivi

Anche se spesso le definizioni possono variare, quelle che seguono rappresentano un riassunto delle principali tecniche di cotture e delle loro caratteristiche essenziali:

AFFOGARE

Consiste nel cuocere gli alimenti immergendoli in un liquido che non superi gli 80° di temperatura. Anche il bagnomaria si considera una tecnica di cottura per “affogamento”.

LE FORME: Casseruola alta/bassa - Bagnomaria

I MATERIALI: Acciaio - Alluminio

ARROSTIRE

Sono due i tipi di arrostitura che si possono effettuare.

La più conosciuta è quella al forno, la seconda allo spiedo. Arrostire significa cuocere un alimento con una sostanza grassa e senza liquidi aggiunti. La temperatura deve essere inizialmente di 200° circa e poi fatta scendere a 150°/140° per la cottura in forno, mentre allo spiedo si parte da 260° per poi scendere a 180° circa.

LE FORME: Casseruola alta/bassa - Casseruola Ovale - Tegame rettangolare - Teglia G/N

I MATERIALI: Alluminio - Rame Stagnato

BRASARE / GLASSARE

La brasatura di un alimento si effettua solitamente per carni rosse e pezzi interi, la stessa tecnica di cottura per carni bianche o verdure viene definita glassatura. Questa tecnica consiste nel rosolare l’alimento con aromi verdure e sostanza grassa ad una temperatura piuttosto elevata. Successivamente lo si deglassa con del vino e successivamente lo si bagna con fondo bruno sino ad 1/3 e lo si copre.

Si mette poi il tutto in forno a 180° tenendolo continuamente bagnato durante la cottura, con il suo liquido.

In caso di verdura la glassatura si ottiene aggiungendo poca acqua o brodo vegetale.

LE FORME: Casseruola ovale - Brasiera - Tegame rettangolare - Casseruola alta/bassa - Teglia GN

I MATERIALI: Alluminio - Rame Stagnato - Pietra ollare

BOLLIRE

A seconda della preparazione da effettuare si può bollire un alimento partendo da acqua fredda o calda. La bollitura consiste nel cuocere un alimento in un recipiente con liquido con o senza coperchio mantenendolo ad una temperatura leggermente di 100°. Si parte dall’acqua fredda per estrarre maggiori elementi nutritivi e si utilizza per ottenere dei fondi di cucina. si parte dall’acqua calda quando si vuole limitare la perdita degli elementi nutritivi e si usa per paste, risi, carne lessa e verdure.

LE FORME: Pentola - Casseruola alta - Pesciera

I MATERIALI: Acciaio Inox - Alluminio

CARAMELLARE

L’operazione di caramellizzazione si effettua portando lo zucchero all’interno di una forma ad una temperatura di 175°.

Se si unisce allo zucchero, al momento di ebollizione, della frutta secca si effettueranno le cosiddette operazioni di sabbiare e pralinare. Si possono caramellare anche frutta e verdure.

LE FORME: Casseruola alta/bassa - Casseruolino per zucchero - Bastardella

I MATERIALI: Alluminio - Rame non stagnato

COTTURA AL CARTOCCIO

La preparazione del cartoccio consiste nel mettere gli alimenti, con i relativi profumi e condimenti, sopra un foglio sottile di alluminio o carta da forno formando un cartoccio, chiudendo le estremità in modo da creare una tenuta stagna. La cottura può essere effettuata in forno o sopra una piastra calda.

LE FORME: Foglio sottile

I MATERIALI: Alluminio

COTTURA ALLA PIASTRA - FRY TOP

Cottura simile a quella in padella, ma ha il vantaggio di non richiedere sostanza grasse (o comunque di richiedere poche). Si usano piastre in ghisa, acciaio - che deve essere di alta qualità -, acciaio rivestito al cromo.

CUOCERE AL FORNO

La tecnica di cottura al forno deve essere effettuata senza la presenza di liquidi, grassi o coperchi. Solitamente è utilizzata per cuocere preparazioni che richiedono collocazione in stampi o placche (pane, pan di spagna, plum cake ecc..) o per cuocere carne, ortaggi o pesci di grosse pezzature.

LE FORME: Stampi - Anelli - Forme - Teglia G/N

I MATERIALI: Alluminio - Alluminio Antiaderente

GRATINARE

Consiste esclusivamente nel produrre una crosta più̀ o meno sottile sopra un alimento cucinato. La si effettua in forno tra i 260°/300° oppure in salamandra. È necessaria la presenza di una sostanza grassa nell’alimento o sotto forma di salsa.

LE FORME: Teglia gastronorm alta/bassa

I MATERIALI: Alluminio

MANTECARE

Più che un sistema di cottura è l’operazione che permette di legare pasta e riso con i vari ingredienti utilizzati nella preparazione di un piatto. L’operazione si effettua solitamente aggiungendo un grasso all’interno del recipiente utilizzato per la preparazione della ricetta stessa.

LE FORME: Padella a mantecare - Casseruola bassa - Padella svasata alta

I MATERIALI: Alluminio - Rame

SBIANCHIRE/SBOLLENTARE

Metodo di cottura che si utilizza per mantenere vivo il colore delle verdure e per sgrassare solitamente le ossa prima di utilizzarle in alcune preparazioni. Consiste nel mettere le verdure per alcuni secondi in acqua bollente e raffreddarle rapidamente in acqua fredda e ghiaccio, mentre per le ossa si parte con acqua fredda. Si può sbianchire anche in olio a ad alta temperatura. Si utilizza questo metodo principalmente per precuocere un alimento o, nel caso di alcuni ortaggi a fogli verde, per fissare il colore.

LE FORME: Pentola - Casseruola alta/bassa

I MATERIALI: Acciaio - Alluminio

STUFARE

Come metodo di cottura la stufatura non comprende solo la preparazione di carne ma anche di umidi e la cottura dei legumi. La stufatura si svolge versando una sostanza grassa, con aromi e verdure in una forma; si fanno sudare, si aggiunge l’alimento principale - generalmente l'alimento e tagliato in pezzi al contrario della brasatura - e lo si fa colorire leggermente, si aggiunge poi il liquido sino ad 1/3 o 1/2 della sua altezza, si copre e lo si fa cuocere a fiamma bassa.

LE FORME: Casseruola alta/bassa - Tegame

I MATERIALI: Pietra ollare - Rame stagnato - Alluminio

SALTARE - SAUTER - CUOCERE SAUTE’

Far diventare di colore dorato, in un tegame, carni, pesci, legumi, con burro, olio o altri grassi con una breve cottura. Il tegame deve restare senza coperchio. Le carni rosse devono essere saltate a una temperatura molto alta; le carni bianche a fiamma più moderata.

È un processo di cottura molto veloce che si effettua in padella a fuoco alto o moderato a seconda del tipo di alimento che andiamo a cuocere. Prevede l’utilizzo di olio o burro nel quale viene cotto l’alimento. SAUTER - CUOCERE SAUTE’: L’alimento saltato viene in seguito deglassato.

LE FORME: Casseruola alta/bassa - Tegame

I MATERIALI: Pietra ollare - Rame stagnato - Alluminio

COTTURA SOTTOVUOTO A BASSE TEMPERATURE

La tecnica sotto vuoto a bassa temperatura è usata per ottenere consistenza e sapori sorprendenti. Si utilizza una bassa temperatura controllata con precisione, ottenendo cottura uniforme e riducendo la perdita di peso degli alimenti. Gli alimenti vengono inseriti in sacchetti di plastica da cui è stata parzialmente estratta l’aria.

GLI STRUMENTI: Forni a convezione (programma particolare) - SousVide cooker

Post recenti

Mostra tutti

Court bouillon

Si tratta di un liquido aromatico nel quale viene cotto il pesce. Non si tratta di un brodo ristretto, come suggerirebbe il nome, ma si riferisce alla cottura del pesce nel bordo che deve essere breve

Ospedaletti | Italia   Per Domande / For Questions / Contattaci / Contact us at info@myhome.kitchen

Privacy /disclaimer / #cisisentebeneamangiarbene / Proudly created by Luca Rusconi

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Tumblr Icon
  • Grey YouTube Icon
  • Grey Twitter Icon
  • Grey Instagram Icon